Grafica e colori di Gianfranco Pacini
(dal Tirreno – Cultura)
La grafica a colori di Gianfranco Pacini approda all’enoteca bistrot “Il Colonnino”. Fino al 16 giugno una mostra delle opere dell’artista toscano animerà il locale di via Sant’Andrea.

Pacini disegna col bulino piccole e grandi punte secche di paesaggi e di marine essenziali. Il gioco delle ombre è alla base di una forma plastica che apre grandi spazi al colore, ed è il colore “unico” che identifica il carattere del quadro.

Lieve, raffinato, tanto sommesso quanto deciso e sicuro, il colore in Pacini rappresenta il volto e l’essenza delle cose. L’artista usa cartoni ondulati o forme simili a feticci lignei o a schemi di animali o di uccelli, ricordi forse di civiltà primitive conosciute in gioventù, anche se più realisticamente si può pensare a una sorta di “stecchi” simili a quelli con cui si mescolano i colori.

Gli “stecchi” dipinti a colori puri, e così vicini all’arte povera, sono gli unici abitanti di questo mondo silenzioso, elementi fondamentali della composizione, capaci di conferire un ordinato senso di equilibrio e di misura alla composizione.

Nei suoi “silenzi” Pacini sembra cercare una pausa di quiete, una comprensione fra gli uomini, una verità avvicinabile con la creatività che lo contraddistingue.
STAMPA ARTICOLO
Articoli correlati
Mostre
Gianfranco Pacini - Incisioni e dipinti

LEGGI>>>
  Recensioni - 16/04/2003