La storia del Premio Modigliani
(dal Tirreno – Cronaca di Livorno)
Il Premio nazionale Amedeo Modigliani Città di Livorno fu istituito col doppio scopo di favorire il lavoro dei giovani artisti livornesi e di ampliare la collezione comunale d’arte contemporanea.

Nacque in un periodo di grande fervore per le mostre-premio; dopo la fine della guerra, infatti, venendo a mancare una solida rete di gallerie private capace di sostenere il lavoro degli artisti, in tutte le città nacquero esposizioni a concorso, aperte in particolar modo agli artisti giovani ed emergenti.

Le mostre prevedevano una giuria esaminatrice che aveva il compito di assegnare i diversi premi-acquisto. Le opere vincitrici, come accadde a Livorno, venivano poi acquisite dagli enti pubblici che avevano stanziato il premio. Aperto a tutti gli artisti italiani, il premio permise al pubblico e ai giovani artisti livornesi di confrontarsi con i linguaggi più diffusi, dal Realismo sociale al Realismo esistenziale, dalle diverse coste della pittura informale - in particolare di quella neonaturalista d’area emiliana e lombarda - alla Pop Art.
STAMPA ARTICOLO
Articoli correlati
Recensioni
Dal Realismo alla Pop art

LEGGI>>>
  Recensioni - 23/01/2005