Diego Piccaluga al Kino Dessé
Diego Piccaluga all’inaugurazione
La sala del cinema
Un momento dell’inaugurazione
Opere esposte
Il foyer del cinema
Livorno, cinema Kino Dessé (04/03/2005 - 31/03/2005)
Prosegue la rassegna d’arte “L’Altro sguardo” (patrocinata dal Comune di Livorno) che vede ogni mese alternarsi nella sale del cinema Kino Dessé di Livorno (via dell’Angiolo 19. Tel 0586 – 210191) le personali di giovani artisti contemporanei.

Curata dalla critica dell’arte Cristina Olivieri e dalla sua agenzia Cdcom arte e comunicazione, la rassegna propone per il mese di marzo (INAUGURAZIONE: 4 MARZO, ORE 17,30) la personale di Diego Piccaluga.

Nato a Genova nel 1955, Diego Piccaluga vive e lavora a Livorno da diversi anni. Il concetto che sta alla base della sua arte è la trasmigrazione dell’energia: il suo impulso creativo si realizza oggi nella sovrapposizione di radiografie, su cui l’artista interviene, dando una propria definizione alle forme seguendo i confini delineati dal soggetto. Opere che poi prendono vita attraverso la luce che l’artista imprigiona in un light box.

La sua “è una Diagnostica per immagini in cui la lastra annerisce nelle varie zone, più o meno intensamente in funzione della dose di radiazione ricevuta. Elettromagnetismo che si percepisce al buio nel silenzio che invita alla meditazione del nostro io in rapporto con il mondo e con la moltitudine di individui che lo popolano” (dalla critica di Cristina Olivieri, 2004).

Le opere particolarissime di Diego Piccaluga, veri e propri lavori di luce e sulla luce, renderanno ancora più suggestiva l’atmosfera della piccola e storica sala cinematografica del Kino Dessé e il suo ancor più caratteristico foyer, dove troveranno posto altri light box realizzati negli ultimi anni dal sorprendente artista.

La mostra è visitabile gratuitamente fino al 31 marzo negli orari di apertura del cinema.
STAMPA ARTICOLO
Articoli correlati
Critiche
Diego Piccaluga - Diagnostica per immagini

LEGGI>>>
Mostre
ARTeatro con Matteo Basilé e Diego Piccaluga

LEGGI>>>
  Mostre - 01/03/2005