Da Peccolo c’è Piero Simondo
(da Il Tirreno - Cultura e spettacolo)
Si inaugura sabato alle 18.30 alla galleria Peccolo la mostra di Piero Simondo. Esposti in questa mostra livornese che resterà aperta fino al 6 aprile, una trentina di monotipi, l’occasione per uno sguardo approfondito sui lavori eseguiti in quel periodo così fecondo di stimoli e di confronti internazionali (tra il 1954 e 1965) e realizzati da Simondo utilizzando la tecnica del monotipo: tecnica con cui riusciva a “spersonalizzare” il segno e che gli permetteva di mantenere le immagini in bilico tra i poli della figuralità primitivista e dell’astrazione espressionista. L’artista nasce a Cosio d’Arroscia (Imperia) nel 1928. Dal 1972 vive e lavora a Torino. Nell’estate del 1957 in casa sua viene fondata “l’Internazionale Situazionista” in cui confluiscono Asger Jorn, Pinot Gallizio, Piero Simondo, Elena Verrone, Walter Olmo, Guy Debord, M. Bernstein, Ralph Rumney.
STAMPA ARTICOLO
Articoli correlati
Recensioni
Gli EsternInterni di Paola Risoli da Peccolo

LEGGI>>>
Recensioni
I Silenzi di Grazia Varisco

LEGGI>>>
  Recensioni - 03/03/2005