I Silenzi di Grazia Varisco
(dal Tirreno, pagine Spettacolo)
Livorno. Alla galleria Peccolo sbarcano i “silenzi”. Sono le opere create appositamente per la galleria in piazza della Repubblica dall’artista Grazia Varisco.
Lavori strettamente legati alle “Assenze” della metà degli anni’70.

Nata a Milano nel 1937 dove vive e lavora l’artista presenta i suoi fogli di cartone sovrapposti gli uni agli altri in un perfetto equilibrio tra tensione e quiete.

Di dimensioni differenti e realizzati con svariate qualità di cartone le opere della Varisco sono sospese alle pareti della galleria e appaiono come precarie forme che racchiudono o aprono spazi diversi.

L’artista che ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Brera, dal 1960 partecipa alla ricerca artistica come esponente del Gruppo T con Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gianni Colombo e Gabriele De Vecchi.

Conclusasi l’ esperienza con il Gruppo, la Varisco continua la sua sperimentazione in modo autonomo e dal 1979 è titolare del corso di Teoria della Percezione all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.

“Sono lavori su carta che - spiega Federico Sardella nel catalogo – parlano silenziosamente di qualcosa che manca e ci proiettano in una condizione di continua attesa e ascolto”.
STAMPA ARTICOLO
Articoli correlati
Recensioni
Hans Hofmann da Peccolo

LEGGI>>>
Recensioni
De Luca da Peccolo

LEGGI>>>
Recensioni
Gli EsternInterni di Paola Risoli da Peccolo

LEGGI>>>
Recensioni
Recycling, Winfred Gaul

LEGGI>>>
Recensioni
Da Peccolo c’è Piero Simondo

LEGGI>>>
Recensioni
Oltre lo specchio di Giulio Turcato

LEGGI>>>
Recensioni
A quel solitario: Sergio D’Angelo

LEGGI>>>
  Recensioni - 21/10/2005