ArteMobile - Firenze Kassel
Ingresso mostra a Palazzo Vecchio
Antonio Lo Pinto - Tutti miei occhi
Nils Klinger
Gianna Scoino - 4 sculture
Il gruppo di artisti che hanno esposto alla mostra di Kassel di ARTEMOBILE
Firenze Palazzo Vecchio (01/12/2007 - 15/12/2007)
L’unione fra i paesi europei trova linfa negli scambi fra artisti e città anche attraverso l’arte contemporanea. È il caso di Kassel e di Firenze che danno inizio alla prima edizione di ARTEMOBILE “Dalla pietra al Chip” Mostra sulle arti visive contemporanee fra le città gemellate.

I curatori Alessandra Borsetti Venier, Harald Kimpel e Sabine Stange hanno inventato un su e giù estetico suggestivo. Infatti, lo scambio si svolgerà in due tempi: il primo ha avuto già luogo a settembre del 2006 a Kassel dove i quattordici artisti (7 di Kassel e 7 di Firenze) hanno esposto nei vasti spazi della KulturBahnof. L’1 dicembre 2007 la mostra sarà trasferita a Firenze nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, modificata nel progetto di installazione per la diversità dello spazio espositivo ma identica nei contenuti. L’inaugurazione del nuovo progetto di scambio biennale tra le due città gemellate fin dal 1955, sarà alle ore 17 alla presenza del sindaco di Firenze Leonardo Domenici e del Sindaco di Kassel Thomas Erik Hunge

Gli artisti che esporranno le loro opere nelle sale di Palazzo Vecchio saranno infatti gli stessi protagonisti della rassegna presentata a Kassel nel 2006: Carlo Cantini, Hildegard Jaekel, Nils Klinger, Antonio Lo Pinto, Daniele Lombardi, Luca Matti, Milen Miltchev, Lorenzo Pezzatini, Carola Ruf, Klaus Schinkmann, Gianna Scoino, Springer I Parker, Mathias Weis, Deva Wolfram.
La mostra è promossa dal Ministero della Regione Assia - Città di Kassel - Deutsch-Italienische Gesellschaft Kassel - Comune di Firenze - Assessorato alla Cultura e vede il patrocinio di: Ambasciata d’Italia in Germania - Regione Toscana - Provincia di Firenze - Istituto Italiano di Cultura a Francoforte - Consolato di Germania a Firenze.

Se ogni epoca è caratterizzata da aspetti e peculiarità emergenti sicuramente il tempo che viviamo ha nella mobilità, nel contatto, nella relazione un suo tratto dominante. Per sua natura l’arte registra, rielabora e restituisce processi che possono avere la delicatezza dell’intimità quanto l’evidenza di movimenti di massa, rifiutando sempre la neutralità e prendendosi tutto il rischio di attraversare l’incertezza dei tempi e dei fenomeni che li caratterizzano.
ARTEMOBILE non soltanto percorre questa via, muovendosi lungo il solco già tracciato istituzionalmente fra due città unite da diversi anni in un gemellaggio, ma ancor più dando l’opportunità ai quattordici artisti di usare uno strumento fondamentale per l’incontro e la relazione fra gli uomini: la creatività.

“Abbiamo voluto indagare - spiegano i curatori della mostra - i molteplici linguaggi artistici multimediali con i quali gli artisti di Firenze e Kassel lavorano. Abbiamo raccolto il materiale, l’abbiamo visionato, selezionato, messo a confronto e abbiamo scoperto che le due realtà mostrano delle sfaccettature diverse con qualcosa in comune: in entrambe è evidente una vasta gamma mediale nella prassi artistica. Da qui è nata la riflessione su come presentare in una mostra-scambio la gamma dei mezzi espressivi artistici contemporanei: da qui è nata la formula “Dalla Pietra al Chip”. Con quest’ultima abbiamo tracciato un ponte ideale tra il passato e il futuro, tra quegli artisti che ancora oggi preferiscono procedimenti tradizionali e quelli che sperimentano i più moderni sviluppi tecnologici”.


Per il primo progetto di scambio biennale di ARTEMOBILE sono stati dunque scelti quei contributi che, nella loro presentazione comune, fanno convivere i metodi tradizionali con quelli più innovativi della produzione d’immagine - che, in termini più concreti si realizzano con tecniche disparate che vanno dalla litografia ai media digitali. Si tratta di un percorso che dalla litografia, passando per il disegno, la pittura, la scultura, l’installazione attraverso la fotografia, arriva fino ai mondi virtuali delle immagini dell’arte multimediale. Con questa panoramica si rende visibile l’evoluzione dei mezzi artistici di produzione della cultura occidentale cui appartengono entrambi i paesi. Ogni artista della mostra rappresenta non solo se stesso e la sua città, ma anche la possibilità di esprimersi con metodi estetici eterogenei. In parallelo si crea un arco in tensione che traccia la linea che unisce Kassel a Firenze e viceversa: i due progetti intrecciandosi si completano a vicenda e traducono ciò che collega le due città.

“Entrambe le città sono state decisamente plasmate dalle arti visive - sottolinea il Sindaco di Kassel Thomas-Erik Junge - sia nella loro identità sia nel loro profilo: Firenze in primo luogo grazie al Rinascimento, Kassel grazie alla sua quadriennale documenta. In entrambe le città, in virtù di questo particolare significato delle arti visive, si è insediata una scena vitale, esteticamente progredita, di artiste e artisti contemporanei. Cosa è più auspicabile di un dialogo creativo fra gli artisti di Firenze e Kassel per mettere in risalto un nuovo focus nel gemellaggio fra le due città?”.

Gli artisti Carlo Cantini e Lorenzo Pezzatini hanno realizzato un progetto itinerante dal titolo FIRENZE -“Filo”- KASSEL E RITORNO. Varie fasi del viaggio sia di andata che di ritorno saranno proiettate in DVD nel corso della mostra e il furgone VW CampMobile del 1975 utilizzato per il viaggio, sarà esposto, trafitto da una dozzina di canne di bambù, come installazione in Piazza della Signoria di fronte alla Sala d’Arme.
Il viaggio ha avuto inizio il 27 agosto 2006 da Firenze per un itinerario costituito da 3 tappe: Merano, Bregenz, Kassel. Durante la sosta in ognuna delle città il “Filo” (opera di Pezzatini) è stato puntualmente creato davanti ai cittadini secondo la procedura performativa “artist in presence”, e fotografato da Cantini nelle varie circostanze in cui i cittadini stessi hanno interagito con lui e il suo autore. A Kassel, punto di arrivo e di ricongiunzione, il VW si è trasformato in una installazione all’interno del Kulturbahnhof.

Harald Kimpel uno dei curatori della mostra e storico dell’arte del dipartimento della Cultura di Kassel terrà per l’occasione due lezioni dal titolo “IL MUSEO DEI CENTO GIORNI - La storia della documenta di Kassel dal 1955 al 2007". Il primo sarà il 28 all’Accademia di Belle Arti con tutti gli Istituti dell’Alta Formazione di Firenze (Università, Istituto d’Arte, Isia). L’incontro si terrà alle ore 15 nell’aula del Cenacolo, in via Ricasoli 66 a Firenze, mentre il 29 alle 19 Kimpel sarà alla SACI (Studio Art Centers International) in Via Sant’Antonino 11.
Organizzazione Firenze: MultiMedia +39 335 6676218 info@morganaedizioni.it
Organizzazione Kassel: Kunstbalkon +49 056 122650 info@kunstbalkon.de
Ufficio stampa Cdcom 0586 502660 - 349 4697087 info@cdcom.it - www.cdcom.it
Orario mostra: tutti giorni 10 -13 e 14.30 -18.30 Ingresso libero
Info: 055 6811728 - 335 6676218
Catalogo: Morgana Edizioni, Firenze www.morganaedizioni.it
STAMPA ARTICOLO
Articoli correlati
Critiche
Luca Matti - Metropoli

LEGGI>>>
Link Esterno
Cdcom - Arte e Comunicazione

APRI LINK>>>
Link Esterno
Morgana Edizioni

APRI LINK>>>
  Mostre - 17/11/2007